Ritorno a Prato: quanto è diffuso il sistema di sfruttamento?

Micaela Farrocco torna a Prato per raccontare il sistema di sfruttamento in alcune delle oltre 4.000 aziende cinesi dell’abbigliamento nel territorio. 

La settimana scorsa abbiamo documentato in quali condizioni si lavorava in alcune ditte cinesi nel più grande distretto tessile d’Europa. Ma quanto è diffuso il sistema di sfruttamento all’interno delle oltre 4000 aziende cinesi? Abbiamo deciso di mettere una telecamera nascosta addosso a due ragazzi pachistani. Uno dei due ha lavorato in nero in un pronto moda per una settimana. “Adesso non voglio più lavorare 13 ore, anche 10 ore va bene?”, chiede il giovane operaio. “No, minimo 12 ore. Non c’è un giorno di festa, non c’è domenica, capito?”.

Sulla questione sfruttamento, il sindaco di Prato Matteo Biffoni replica: “Più di fare 15 mila controlli con la Polizia municipale non so come fare. Da 12 anni abbiamo uno sportello anti sfruttamento”. Ma per alcuni lavoratori sfruttati non è così semplice: “Se denunci perdi il lavoro e il permesso di soggiorno”.

Tra i lavoratori condannati all’irregolarità c’erano quelli dell’azienda cinese “Pelletteria Serena” che confezionavano borse di lusso per un’importante casa di moda francese. “Per 15 ore al giorno prendevo 850 euro al mese – dice uno degli operai sfruttati –. Una volta dovevo tagliare un piccolo pezzo di pellame, la proprietaria mi ha detto che non andava bene e mi ha dato un pugno. Un mio amico è stato frustato con una cinta”. A commissionare alla pelletteria cinese le costose borse era la Effebi, un’importante azienda specializzata nella realizzazione di borse per l’alta moda.
Sotto indagine sono finiti anche due soci, accusati di essere a conoscenza della modalità di sfruttamento.

27/05/2021

Il sassolino nella scarpa

Presadiretta: 18/10/2021

Ogni anno nel mondo vengono prodotte 24,3 miliardi di scarpe, 66 milioni di paia al giorno. Ma come mai allora i grandi marchi della moda fatturano miliardi, mentre i piccoli arrancano? I più importanti distretti europei della lavorazione della pelle sono in Italia, che impatto hanno sull’ambiente? E le certificazioni che dovrebbero garantire il rispetto delle regole nell’intera filiera di produzione, garantiscono davvero? Qual è il vero costo delle nostre scarpe? Come funzionano la complessa filiera delle scarpe e il sistema di appalti e subappalti? PresaDiretta è stata in Albania, dove migliaia di operaie cuciono alcune delle scarpe italiane più famose del mondo, senza diritti e con stipendi da fame. Chi controlla la sostenibilità della catena di produzione della moda? Come funziona il sistema delle certificazioni?

MADE IN THE U.S.A.

Potremmo essere persuasi a pensare che nei paesi così detti evoluti, sedicenti democratici o più semplicemente ricchi non ci si possa imbattere in fabbriche che applicano metodi di coercizione e sfruttamento, ma le condizioni di lavoro degli operatori e delle operatrici addetti alla confezione di abbigliamento sono tragicamente simili in quasi ogni parte del modo. Questo perché alla base del sistema capitalistico che regge l’intera dinamica impera il concetto che la richezza di pochi è saldamente radicata nella funzionale povertà di altri. Il colonialismo moderno che permette che i grandi brand possano delocalizzare le loro produzioni in paesi con un costo della mano d’opera bassissimo è lo stesso che spinge quelle stesse popolazioni a tentare la fuga dalla fame e dall’assenza di futuro verso le terre promesse del benessere.

Siamo abituati a vedere sulle etichette dei nostri vestiti la dicitura che riporta il paese di confezione, ma la verità è che dove è stato fatto poco importa, ciò che conta è da chi.

Uno dei paesi che incarna alla perfezione tutte le ipocrisie del sistema che cannibalizza gli utlimi per permettere ad altri di consumare sono gli Stati Uniti. Il settore dell’abbigliamento infatti è il secondo per fatturato della California, stato che, non a caso, detiene il record assoluto di immigrati irregolari, 2.3 nel 2014.

Ci sono 2.000 produttori che impiegano circa 45.000 lavoratori nel settore dell’abbigliamento nel sud e nell’est del centro di Los Angeles, che secondo il California Bureau of Labor Statistics nel 2015 era composto dal 71% di lavoratori nati all’estero, la maggior parte dei quali erano donne di età superiore ai 35 anni.

La maggior parte delle lavoratrici tessili sono alcune delle persone più vulnerabili nella nostra società: donne migranti prive di documenti che non sono consapevoli dei propri diritti o sono incapaci di chiedere una retribuzione equa e migliori condizioni di lavoro.

Le persone più vulnerabili e ricattabili sono quelle che si sono spostate dalla loro casa per necessità e che sono state private di punti di riferimento, documenti e con essi dei propri diritti. Loro sono la linfa che permette la costante crescita dei profitti, tra gli altri, anche dei brand del fashion che basano il proprio business model sul contenimento dei costi e la produzione di massa.

Nel 2010, uno studio dell’UCLA ha rilevato che l’88% dei lavoratori a basso salario a Los Angeles ha subito decurtazioni salariali per una somma stimata di 26,2 milioni di dollari a settimana e il settore dell’abbigliamento detiene il podio come maggior colpevole di violazioni. Andando ancora più indietro, nel 2000 il Dipartimento del lavoro ha esaminato le fabbriche di abbigliamento della California meridionale e ha scoperto che due terzi non pagavano il salario minimo. Ciò che è cambiato, tuttavia, è il fatto che nella storia recente, i lavoratori dell’abbigliamento negli Stati Uniti non hanno mai affrontato circostanze ad alto rischio, di vita o di morte per produrre abiti “Made in America” come fanno ora. Mai prima della pandemia il valore del profitto sulle persone è stato così tragicamente palese.

Nei primi mesi del 2020, i legislatori statali della California hanno introdotto un Garment Worker Protection Act (SB 1399), progettato per contrastare il dilagante abuso di lavoro presente nell’industria dell’abbigliamento di Los Angeles, e in particolare per ritenere i brands responsabili delle condizioni di lavoro pericolose nelle fabbriche. Il disegno di legge ha dovuto affrontare una dura opposizione da parte dei gruppi di lobbying aziendali: CalChamber e California Retailers Association, che lo consideravano un “killer del lavoro”, mettendo in discussione le priorità economiche e sociali dello stato durante la pandemia. Entrambe le lobby sono state accusate dalle direzioni dei brand di punire ingiustamente marchi e rivenditori che non hanno alcun controllo sul sistema di produzione e approvvigionamento.

legge sulla protezione dei lavoratori dell'abbigliamento
Lavoratori tessili di Los Angeles.

Santa Puac è un’ operaia tessile e leader nel movimento GWPA e spiega la necessità degli operai di essere tutelati: “Per 20 anni sono stato in questo paese, ho lavorato nel cucito. Come operaio dell’abbigliamento ho subito molto sfruttamento. Ho lavorato in un’azienda che produceva per circa l’80% per un marchio di moda, e in quell’azienda ho lavorato dalle cinque del mattino alle cinque del pomeriggio, per $ 70 al giorno e 12 ore al giorno, $ 350 per la settimana, per cinque giorni. Non credo sia giusto che si debbano lavorare così tante ore per guadagnare così pochi soldi. Non avevamo il diritto di fare delle pause. Non ci venivano riconosciuti gli straordinari. Ci pagavano solo $ 350 a settimana. I bagni erano sporchi, non c’era carta igienica nei bagni, dovevamo mangiare sopra le macchine su cui stavamo lavorando. C’è molta sofferenza. Ci sono molti furti di stipendio “.

E questo furto salariale ha avuto enormi implicazioni, soprattutto durante la pandemia. Dal 3 agosto al 10 agosto, GWC Dream Fellow Interns ha condotto un sondaggio telefonico con 219 lavoratori dell’abbigliamento di Los Angeles riguardo alle loro condizioni di lavoro . Hanno scoperto che: “L’89% degli intervistati ha espresso preoccupazione per la provenienza del prossimo pasto, il 93% degli intervistati ha espresso preoccupazione per il modo in cui pagherebbe l’affitto e il 97% degli intervistati ha espresso preoccupazione per il pagamento delle bollette dell’abitazione”.

Secondo Marissa Nunzio del Garment Worker Center: “il cottimo è il sistema principale per pagare i lavoratori dell’abbigliamento in questo settore, ed è lì che i lavoratori guadagnano solo in base alla loro produzione. Vengono pagati pochi centesimi alla volta, due centesimi o tre centesimi per il cucito o altre operazioni sull’abbigliamento. Il nostro rapporto mostra anche che le violazioni del salario minimo sono al massimo quando viene utilizzato il sistema a cottimo rispetto ad altri sistemi di pagamento come il pagamento con tariffa oraria “.

Per oltre 55 ore settimanali, i lavoratori a cottimo guadagnano solo una media di $ 297. Per le ore lavorate, il salario minimo legale che dovrebbe essere pagato a quegli stessi lavoratori ammonta ad una media di 601 dollari in più.

Per i lavoratori dell’abbigliamento come Santa Puac, significa che secondo la legislazione vigente, il furto di salario e le successive questioni di insicurezza alimentare, affitto e servizi abitativi non hanno alcuna conseguenza legale. Le aziende sono libere di commettere abusi sul lavoro senza farsi carico di alcun tipo di responsabilità.

“Il Garment Worker Protection Act potrebbe salvaguardare salari legali e condizioni di lavoro dignitose per i lavoratori dell’abbigliamento, condizioni di parità per le migliaia di produttori nello stato della California e un’industria etica”.

Ma la reintroduzione del GWPA deve fare i conti con la realtà di potenti forze di lobbying che hanno svolto un ruolo significativo nel deprioritizzare la questione l’anno scorso. 

legge sulla protezione dei lavoratori dell'abbigliamento
Una fabbrica di abbigliamento a Los Angeles.

Nel 2020, gli effetti immediati della pandemia sono serviti a innescare uno stato di frenesia economica, in cui l’estrema retorica pro-business enfatizzava la “crescita dell’occupazione” e la “ripresa economica”, ignorando la questione se la “crescita dell’occupazione” cercata incoraggiare era sicuro e sostenibile. Ma non deve essere così. La ripresa economica e la crescita delle imprese non devono necessariamente avere un costo per i diritti umani. 

Il disegno di legge si aspetta di affrontare una certa resistenza sia dalla CalChamber che dalla California Retailers Association.

Sembra che questa lotta per la protezione dei lavoratori dell’abbigliamento si riduca a un confronto tra due diversi tipi di imprese: una che ricorda una potenza aziendale sfruttatrice e incontrollata, l’altra l’attività caratterizzata da un senso di responsabilità nei confronti dei suoi lavoratori nel suo missione di sostenere gli standard etici. E di fronte alla pandemia di COVID 19, la California dovrà decidere: sarà influenzata dai vantaggi economici a breve termine che le società incontrollate portano violando la legge, o invece plasmerà la legge per scendere dalla parte dell’equità pratiche commerciali e garantire che tutti i suoi cittadini siano protetti?

È un test di democrazia – quella di cui parlano quando dicono di “volerla esportare”, ma per il momento l’unica pratica che hanno esportato con grande successo è la schiavitù.

Fonti :

Remake.world

Ucla Labor Center

Garment Worker Centre

#CAMBIAMODA

UNISCITI AL CAMBIAMENTO!

Vogliamo cambiare l’industria della moda. Per farlo abbiamo bisogno di te.

È il momento di dire basta a un sistema basato sullo sfruttamento delle persone e del Pianeta. È il momento di unirci per chiedere una trasformazione radicale.

Non aspettare: entra a far parte di Cambia MODA! Una comunità promossa da organizzazioni della società civile italiana che vuole mobilitare i cittadini e fare pressione su aziende e governi.

Perché la moda ha un ruolo nelle proteste degli agricoltori indiani

La difficile situazione dei coltivatori di cotone indiani espone i marchi di moda a rischi reputazionali nella catena di approvvigionamento.

di Jag Gill.

Per volume, l’India è uno dei leader mondiali nella produzione di tessuti. Ma i commercianti al dettaglio a buon mercato hanno abbassato i prezzi di acquisto ai loro fornitori, privando i coltivatori di cotone, coloro che si trovano più in basso nella catena di approvvigionamento di mezzi di sussistenza stabili . Ora, quegli stessi agricoltori stanno protestando contro tre nuove leggi controverse sull’agricoltura che quest’anno avranno un impatto su oltre il 25% della produzione mondiale di cotone.

Le proteste sono iniziate alla fine di novembre, quando circa 250 milioni di lavoratori in tutta l’India hanno scioperato. La scorsa settimana, la proposta di legge è stata sospesa quando gli agricoltori sono stati chiamati al tavolo dei negoziati, ma la resa dei conti tra agricoltori e governo continua.

La proposta di legge sull’agricoltura fa parte dell’agenda di “deregolamentazione” del primo ministro indiano Narendra Modi per rimuovere la burocrazia e promuovere l’efficienza del mercato e prevede la rimozione del prezzo minimo stabilito dal governo (noto come prezzo minimo di sostegno) per le coltivazioni. Ma gli agricoltori temono che la rimozione dei prezzi garantiti si tradurrà in rendimenti inferiori, portandoli all’impoverimento e costringendoli a vendere la loro terra alle grandi società che dominano l’economia al dettaglio dell’India e fisserebbero effettivamente il nuovo prezzo per i raccolti.

In un certo senso, la dinamica di potere tra i contadini indiani che protestano e i politici che rappresentano gli interessi delle multinazionali indiane rispecchia la situazione di stallo tra i lavoratori dell’abbigliamento e le marche di abbigliamento.

“I rivenditori ci colonizzano a causa della manodopera a basso costo, sfruttano i nostri giovani e mancano di rispetto alla dignità dei lavoratori, in particolare donne e ragazze”, ha detto Nazma Akter, direttore esecutivo della Fondazione Awaj in Bangladesh, che ha protestato contro il mancato pagamento degli ordini commissionati da marchi internazionali durante la pandemia. “Erano i paesi che ci colonizzavano, ora sono le grandi società”.

Gli agricoltori indiani chiedono “prezzi equi”, proprio come i lavoratori tessili dimostrano per “salari equi”. E la loro situazione difficile e lo scontro con il governo potrebbero coinvolgere i marchi della moda, le cui catene di approvvigionamento sono spesso esposte a pratiche produttive tutt’altro che etiche.

Purtroppo, la coltivazione del cotone in India è diventata una tragedia della moda. Un tempo il fiore all’occhiello della sua esportazione, dal Medioevo all’inizio del XIX secolo, l’India era il centro dell’innovazione tessile asiatica, offrendo i tessuti più raffinati del mondo ed esportando ai reali di Asia, Africa ed Europa. Ora, i coltivatori di cotone indiani si stanno suicidando a un ritmo allarmante, spesso a causa di pressioni finanziarie.

La mia stessa famiglia nel Punjab, nel nord dell’India, è stata colpita da questa epidemia di suicidi. È una situazione tragica. In primo luogo, il fast fashion alimentato dai social media guida la domanda di cotone. Di conseguenza, gli agricoltori, sperimentando un nuovo aumento della domanda per il loro raccolto, sono costretti a ricorrere a semi geneticamente modificati progettati da giganti agrochimici monopolistici, che permettono l’aumento della capacità produttiva e il conseguente abbassamento dei prezzi di vendita.

Il risultato è che gli agricoltori accumulano rapidamente debiti paralizzanti e soffrono di cattive condizioni di salute poiché i fertilizzanti pesanti avvelenano le forniture d’acqua locali. Aggiungiamo sul cambiamento climatico – che annienta i cicli naturali dell’agricoltura e può danneggiare seriamente i raccolti – e abbiamo una tempesta perfetta per una crisi umanitaria che potrebbe facilmente contaminare i grandi marchi nello stesso modo in cui il lavoro forzato nei campi di cotone cinesi ha contaminato i marchi da Nike a Zara .

Finora, nessuna grande azienda di moda ha parlato a sostegno degli agricoltori indiani.

Rishi Sher Singh, un esperto di supply chain con sede in India, ritiene che la moda debba adottare un approccio più illuminato alla questione e velocemente.

“C’è un crescente accordo sul fatto che il dialogo tra acquirenti, fornitori, comunità indigene e lavoratori, insieme a una maggiore due diligence della catena di approvvigionamento, empatia per i lavoratori e collaborazione con il governo sono le strade da percorrere”.

ha detto Singh

Con una nuova generazione di consumatori che richiedono prodotti più etici, è giunto il momento per i rivenditori di moda internazionali di agire e concentrare gli sforzi per aiutare a stabilire prezzi equi nei campi di cotone dell’India.

In copertina: gli agricoltori sollevano slogan durante la protesta in corso contro le nuove leggi agricole a Ghazipur nel gennaio 2021. Getty Images.

Articolo pubblicato il 22/01/2021 su BoF

Ecologico, etico, naturale: cosa significa sostenibile?

Sentiamo spesso parlare di sostenibilità, ultimamente, ma cos’è un prodotto sostenibile?

Uniformare il glossario sulla sostenibilità e capire il vero significato di questa parola ci metterebbe in una condizione meno esposta al Greenwashing che molte aziende stanno utilizzando nelle loro campagne di comunicazione.

Da qualche anno si parla di moda sostenibile. Personalmente ho cominciato ad avere a che fare con l’argomento occupandomi della produzione di alcuni grandi brand del lusso nel 2013: inizialmente era soprattutto focalizzata sul progetto della Comunità Europea Horizon 2020, il quale mirava a innovare le aziende portandole a evitare di utilizzare le sostanze pericolose, raggruppate in un elenco chiamato MRSL.

In quegli anni si è legato il concetto di “responsabilità ambientale” a quello di “sostenibilità”, e sulla base di queste linee guida sono nate certificazioni dedicate alle materie prime e alle aziende, anche in scia alla campagna Detox my fashion, ovvero, “disintossicare la moda”. Una campagna lanciata nel 2011 da Greenpeace Germania, che individuava una serie di obiettivi che le aziende avrebbero dovuto raggiungere entro il 2020.

In particolare, il report Destination zero – Seven years of detoxing the clothing industry  illustrava i passi avanti e quelli ancora da compiere da parte delle 80 aziende che avevano deciso di raccogliere la sfida e di impegnarsi per eliminare dai processi produttivi degli abiti ogni sostanza nociva per l’uomo e per l’ambiente.

Detox my Fashion 2020”, il progetto di Greenpeace
La Campagna Detox my Fashion di Greenpeace

Il comprendere che queste sostanze avrebbero avuto impatti sulla salute, oltre che sugli ecosistemi, è stato un passaggio naturale. Così in tanti hanno cominciato ad approfondire le leggi e i regolamenti che avrebbero dovuto tutelarci. Scoprendo che al momento l’unico strumento che abbiamo per proteggere la nostra salute è il denaro. Perché solo spendendo di più evitiamo di farci del male. Oggi, infatti, sul mercato si trovano capi economici che, se testati, si rivelano pericolosi, portando così in evidenza il fatto che il diritto alla salute ce lo ha solo chi se lo può permettere.

Ma la tempesta che travolse il glietterato mondo della moda quello stesso 2013 non venne generata dalle questioni ambientali: il 24 aprile di quell’anno a Dacca, in Bangladesh, l’edificio Rana Plaza crollò, inghiottendo le migliaia di lavoratori impiegati nel polo produttivo. Uccidendo 1.138 persone e ferendone gravemente altre 2.515. La tragedia avrebbe potuto essere trascurata, come spesso succede in questo lato di mondo, se le televisioni non avesso mostrato le etichette dei brand occidentali che noi eravamo abituati ad indossare. Sventolavano fra le macerie.

Rana Plaza, un anno fa il tragico crollo - Rai News
Le macerie del Rana Plaza – immagine Rai

Quel disastro mostrò il lato sommerso, atroce e ipocrita – fatto di abusi, complicità e torture – che c’era dietro a quei cartelloni giganti e patinati che ritraevano bellissime modelle strapagate, che vestivano i panni dei nostri sogni.

Al disastro del Rana Plaza sono seguiti altri incendi (nell’azienda Tazreen, ad esempio, poco dopo) e incidenti che fecero emergere tutto il marcio di un sistema fatto di contenitori vuoti di cui nessuno ha responsabilità, né sa niente, grazie alle assegnazioni dei subappalti di subappalti di subappalti che fanno perdere le tracce di chi fa cosa, con l’unico obiettivo di avere la mano d’opera al prezzo più basso possibile. Ma il vero prezzo pagato, ancora oggi, sono i diritti.

Tutto questo ci insegna che non può esistere “sostenibilità” se i lavoratori della filiera non vivono condizioni umane accettabili, se non sono retribuiti con salari dignitosi e se non lavorano in condizioni rispettose.

Quando un marchio ci dice che il suo prodotto è sostenibile deve necessariamente darci trasparenza sull’origine e la gestione dei suoi componenti sotto tutti questi aspetti. Non è un aspetto trascurabile: è il minimo che ci si deve aspettare.

Un prodotto sostenibile è per definizione qualcosa che, in modo tracciabile, dimostrabile e trasparente, non ha dannaggiato l’ambiente o le persone in nessuno dei processi necessari alla sua realizzazione e il suo smaltimento futuro non rappresenta un problema ambientale.